…succede al Poggeschi…


Festa RL Stampabile.jpg

 


“40 giorni non per togliere, ma per aggiungere tenerezza verso se stessi, verso gli altri e quindi verso Dio” N. Sunda SJ – Santa Messa delle Ceneri 2017


Festa di carnevale della Rete Loyola, martedì grasso 2017

Nell’ordine i balli, Betania – la comunità residente, il Clan Scout, EVO 2016/17 -gli esercitanti il discernimento degli spiriti-, Indignabo – gli amici della comunità minorile del Pratello-, Panim-i compagni dei malati del S.Orsola-,Pietr Vive -le guide dello Spirito attraverso l’arte-,Spring Hill College – i ragazzi americani-,Tortuga -il doposcuola del quartiere -.

In giro tanti altri amici, i ragazzi di Body to Grace – teatro e spiritualità-, i ragazzi della sala studio, quelli degli appartamenti nel Centro Poggeschi e gli amici degli amici degli amici.

Rete Loyola non è solo preghiera e servizio, ma anche e soprattutto stare insieme e far festa alla vita!

 

 


Rifugiati, uomini e donne oltre il filo spinato

Il 25 feb1braio alle 21 al Centro Poggeschi una serata dedicata ai rifugiati politici:

chi sono e cosa sperimentano una volta superato il confine?

Nigeriani, pakistani, gambiani, eritrei, senegalesi e tantissimi altri. Da gennaio a luglio del 2016 sono stati oltre 70 mila i richiedenti asilo in Italia. Sono rifugiati politici, sono tanti, ormai camminando per le città non destano più scalpore, ma non possono essere solo numeri. Il 25 febbraio alle 21 la Rete Loyola ospita al Centro Poggeschi (Via Guerrazzi 14 – Bologna) una serata dedicata proprio ai rifugiati, organizzata in collaborazione con lo Spring Hill College Italy Center.

Metteremo a fuoco esperienze, diari di viaggio, storie reali di chi lascia tutto per terre sconosciute e rischia. Rischia il certo, così doloroso e senza prospettiva, per l’incerto così carico di speranza e desideri di una vita possibile, oltre la sola sopravvivenza.

La serata sarà animata dalla lettura di una poesia della Sicilia Araba in lingua italiana e in lingua araba. A seguire il Teatro di Sabbia porterà uno spettacolo che racconta il viaggio dei migranti dall’Africa all’Italia, e che ha per protagonisti gli stessi giovani migranti di vari paesi dell’Africa occidentale. A guidare gli attori “reali” sarà Ramzi Harrabi, nato in Tunisia e da 16 anni residente a Siracusa. Perseguitati per la loro razza, la loro religione, la loro cittadinanza, l’appartenenza a un gruppo sociale e opinioni politiche: vedremo non solo la definizione di rifugiato politico, ma la storia che ogni uomo e donna porta con se al di là del mare.

Chiuderanno la serata performance di musica dal vivo e danze tipiche.

“Non dobbiamo essere presi alla sprovvista dai loro numeri, – dice Papa Francesco- ma vederli come persone, vedere i loro volti e ascoltare le loro storie, cercando di rispondere nel miglior modo possibile alla loro situazione. Per rispondere in un modo che è sempre umano, giusto e solidale “.

Durante la serata non mancheranno buon cibo e vino offerti dalla Rete Loyola e dallo Spring Hill. Il tutto rigorosamente in condivisione e gratuità. Vi aspettiamo!

I.D.L.


Natale: 3 ricette imperdibili per festeggiare

pixiz-10-12-2016-15-28-30

Il 16 dicembre al Centro Poggeschi grande festa di chiusura per le vacanze natalizie tra musica, buon cibo e divertimento assicurato!

I primi 15 giorni di dicembre sono essenziali per la ricerca dei regali:

prezzi abbordabili, abbiamo il tempo per pensarci e magari scrivere anche un bigliettino simpatico. I ragazzi della Rete Loyola hanno pensato a qualcosa di più rilassante invece: come festeggiare il Natale? Ovviamente in compagnia:

la data è il 16 dicembre dalle ore 20.30 in via Guerrazzi 14, presso le sale del Centro Poggeschi.

Ti aspettiamo per una fuga dalle solite feste, in particolare quelle di Natale in cui bisogna essere per forza impellicciato con bottiglie di spumante da stappare e noiosi banchetti a cui partecipare. Ci siamo messi d’impegno, abbiamo coinvolto artisti di gran classe, aspiranti chef stellati, musicisti versatili, comici selezionati per andare a Zelig e attori specializzati in interpretazioni sacre. Il tutto orchestrato con l’esilarante presenza dei Padri Gesuiti. Impossibile mancare: ecco le 3 ricette per festeggiare il Natale:

  1. Chili e Chili di divertimento
  2. Menù natalizio multi-regionale, ricco e ben assortito
  3. Spiritualità…vivente, un Presepe a misura d’uomo con tanto di bue e asinello

Di cosa si tratta? Vieni a festeggiare il Natale con noi per scoprirlo! E sei anche tu un “artista” scrivici e ti inseriremo in scaletta.

Per maggiori informazioni: reteloyolanews@gmail.com.


IL VOLTO SANO DELLA FINANZA
via Guerrazzi,14/E
Sabato 16 Aprile ore 16:30

locandina 18 marzo final-page-001


 

notti 2016_02-page-001 (1)


 

                                                      TUTTI A CENA SENZA FRONTIERE

Venerdì 20 novembre la classe di Italiano dello Spring Hill College ha accolto Lamarana (Guinea) e Lamin (Gambia) che hanno condiviso le loro storie di viaggio dall’ovest dell’Africa, passando per il deserto del Sahara e poi, affidati alla misericordia, attraverso il Mar Mediterraneo per mano dei trafficanti.

La serata ha raggiunto il suo culmine in una cena interculturale e in una festa supportata dai Gesuiti e dalla Rete Loyola, nella quale gli studenti dello SHC, un’intera comunità del centro d’accoglienza per immigrati (per la prima volta in uscita serale comunitaria dal centro) e molti ragazzi universitari di Bologna hanno gustato piatti africani, italiani e americani e hanno potuto esultare ai ritmi della diverse tradizioni musicali.

12243594_1035555259840896_7638726356011575685_n


  Centro Poggeschi, Bologna, Sabato 24 ottobre 2015

Ore 20:30, trepidazione nell’aria:

un piccolo gruppo di studenti dello Spring Hill College Italy Center assieme al docente e organizzatore dell’evento, John Lewis si occupano di sistemare gli ultimi dettagli; di lì a poco avrà inizio una splendida serata con una grande storia alle spalle.

All’ingresso del grande salone dove si terrà il concerto vi è un’umile scatola adibita a raccoglitore d’offerte il cui ricavato va alla famiglia di Thair;

in giardino, dietro il fiorente banano, è allestito un piccolo banchetto con stuzzichini e bevande, birra e vino per far festa in onore dei “confini”.

4c

Ore 21:45, l’atmosfera si fa conviviale:

amici, amici di amici e passanti si fermano a fare aperitivo e dopo poco gli Hudud cominciano la loro esecuzione;

1c

il concerto rapisce i convitati di tutte le età e di ogni fede in un ascolto contemplativo e silenzioso; i bambini ben presto incarnano il ritmo e l’allegria coinvolgendo anche gli adulti in una comune esultanza.

Il tempo scorre leggero e gioioso, tutti di buon cuore donano un’offerta e contribuiscono con la propria presenza al superamento dei “confini”.

Una forte presenza dei ragazzi della Rete Loyola e del gruppo Arte migrante ha dato seguito al concerto degli Hudud con improvvisazioni canore, sonore e danzanti  rendendo ulteriormente la serata piacevole.

Utilizzando le parole espresse sul profilo FB dello Spring Hill College:

“The Concert for Syrian Refugees was a great success! It was a full house and we were happy to have the President of the Syrian Association in Italy attend the event. Everyone enjoyed the wonderful music by the group, Hudud. Thank you all to made it to all who made it such a great night!”

m.a.s.

foto Serena Miccolis

Annunci

Un pensiero su “…succede al Poggeschi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...